Statuto

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE OLISTICA L’UNIVERSO DENTRO

Art. 1) (Denominazione)

È costituita una Associazione, senza finalità di lucro, denominata Associazione Olistica l’Universo Dentro.

Art. 2) (Finalità)

La “Associazione Olistica l’Universo Dentro” si propone lo scopo di consentire la crescita personale dell’individuo dal punto di vista del benessere psicofisico, fisico, emozionale, mentale e spirituale, e si prefigge di:

  1. realizzare iniziative di divulgazione, conoscenza e pratica nel campo della promozione della salute, intesa come stato di benessere fisico, psicologico e sociale, del benessere integrale della persona, di corretti stili di vita, del giusto rapporto con la natura, nonché dell’evoluzione spirituale per favorire la crescita della persona nella sua interezza e in generale della società;

  2. promuovere quelle discipline, percorsi, conoscenze che si fondano sulla integrazione e armonizzazione tra la dimensione fisica e quella energetico-spirituale al fine di consentire all’individuo di raggiungere uno stato di benessere e di maggiore consapevolezza sia a livello individuale sia collettivo;

  3. organizzare conferenze, manifestazioni, corsi e seminari, sessioni individuali e di gruppo, congressi, convegni e viaggi e ogni altra iniziativa utile al raggiungimento dei propri scopi;

  4. offrire consulenze per seguire percorsi naturali e globali, applicando tecniche naturali secondo il metodo olistico, considerando l’individuo nel suo complesso;

  5. promuovere la rieducazione al benessere integrale dell’individuo, considerato come un insieme inscindibile di corpo, mente ed anima mediante la diffusione di tutte le discipline culturali, filosofiche, sportive, scientifiche, olistiche, bio-naturali che consentano all’individuo di ritrovare l’armonia della sua persona;

  6. divulgare la propria attività, attraverso pubblicazione di materiale audiovisivo, editoriale, nonché tramite internet;

  7. lo studio, l’approfondimento, la promozione e lo sviluppo del benessere psico-fisico, sociale e spirituale in genere;

  8. stipulare accordi e collaborare con altre associazioni aventi scopi affini o comuni, anche costituite fuori del territorio della Repubblica di San Marino;

Art. 3) (Sede)

La “Associazione Olistica l’Universo Dentro” ha la propria sede legale a Borgo Maggiore (R.S.M.) in via Giorgio Ordelaffi 110 e potrà aprire sedi operative nel territorio della Repubblica di San Marino.

Art. 4) (Patrimonio sociale)

Il patrimonio dell’Associazione è costituito dai beni mobili ed immobili eventualmente acquisiti in proprietà, con le necessarie autorizzazioni, da eventuali erogazioni, elargizioni, contributi pubblici e privati, donazioni e lasciti, nonché dalle quote associative, dai proventi di qualsiasi natura derivante da attività svolta verso i soci e/o terzi per il perseguimento o il supporto delle attività istituzionali.

I proventi e le entrate da qualsiasi fonte derivino potranno essere investiti in beni mobili e immobili, in sottoscrizioni di quote in enti, associazioni, società operanti in settori analoghi, o comunque utilizzati, al solo fine di meglio raggiungere gli scopi associativi.

Art. 5) (Soci)

Possono far parte della “Associazione Olistica l’Universo Dentro” le persone fisiche interessate alle finalità dell’Associazione, sia sammarinesi che non sammarinesi che ne facciano richiesta al Presidente dell’Associazione, e che provvedano al pagamento della quota annuale di associazione.

Il Consiglio Direttivo delibera sull’ammissione dei nuovo soci.

Art. 6 ) (Diritti e doveri dei soci ordinari ed onorari)

L’appartenenza all’Associazione ha carattere libero e volontario, ma impegna i soci al rispetto delle norme e degli obblighi previsti dallo Statuto e dalle risoluzioni deliberate dagli organi associativi.

I soci sono obbligati a versare la quota annua associativa nella misura stabilita dal Consiglio Direttivo anno per anno.

Il primo pagamento della quota associativa dovrà essere effettuato nelle casse dell’Associazione entro 30 giorni dall’accettazione della domanda di ammissione e, successivamente, entro il mese di aprile di ogni anno solare.

La morosità di un socio per due anni consecutivi potrà comportare la decadenza dalla sua qualità qualora venga deliberata dal Consiglio Direttivo.

Art. 7 ) (Decadenza dei Soci)

Il Consiglio Direttivo può con giudizio motivato dichiarare decaduti quegli associati che siano inadempienti agli obblighi derivanti dall’appartenenza all’Associazione.

Art. 8 ) (Organi dell’Associazione)

Sono Organi dell’Associazione:

  1. L’Assemblea;

  2. il Presidente;

  3. il Presidente Onorario;

  4. Il Consiglio Direttivo;

  5. L’Organo di Revisione;

  6. Il Comitato Scientifico.

Art. 9) (L’Assemblea)

L’Assemblea è costituita da tutti i Soci regolarmente iscritti nel Libro Soci; ogni Socio ha diritto ad un voto.

L’Assemblea è convocata dal Presidente oppure su richiesta di almeno 1/5 dei Soci oppure dalla maggioranza del Consiglio Direttivo.

Le deliberazioni dell’assemblea, prese in conformità della Legge e del presente Statuto obbligano tutti i Soci ancorché assenti o dissenzienti.

L’Assemblea deve essere convocata almeno una volta all’anno per approvare il Bilancio ed il Conto Consuntivo e preventivo annuale, nei termini di Legge.

Possono partecipare all’Assemblea, senza diritto di voto, i Soci onorari.

Art. 10) (Competenze dell’Assemblea)

L’Assemblea è competente in materia di:

a) discussione ed approvazione del bilancio, del conto economico preventivo e consuntivo;

b) indicazione delle linee direttive dell’attività dell’Associazione;

c) elezione dei componenti del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori;

d) modifica dello Statuto dell’Associazione;

e) nomina dei Soci onorari, da scegliersi tra quelle persone che hanno contribuito in maniera eminente al perseguimento degli scopi dell’Associazione;

f) approvazione dei regolamenti interni tesi al migliore funzionamento dell’Associazione;

g) approvazione degli accordi con altre associazioni;

h) delibera sugli argomenti sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo, ovvero sugli argomenti proposti a richiesta dei Soci, nonché sulla responsabilità dei membri del Consiglio Direttivo e dei Revisori Contabili.

Art. 11) (Convocazione dell’Assemblea)

L’Assemblea è convocata dal Presidente almeno una volta all’anno per la approvazione del bilancio consuntivo e per la trattazione degli argomenti di sua competenza.

L’Assemblea deve essere fissata in prima ed in seconda convocazione.

La seconda convocazione può essere fissata nello stesso giorno, nello stesso luogo entro mezz’ora dalla prima convocazione.

L’avviso contenente l’ordine del giorno, la data, il luogo, l’ora della prima e della seconda convocazione deve essere inviato a tutti coloro che hanno diritto di partecipare a mezzo raccomandata, fax, e-mail o con qualsiasi altro mezzo almeno 10 (dieci) giorni prima della data fissata per la riunione.

Spetta al Presidente dell’Assemblea, con pieni poteri, dirigere e moderare la discussione. Il Presidente dell’Assemblea deve constatare la validità dell’Assemblea medesima controllando la regolarità della qualifica dei Soci presenti.

Art. 12) (Deliberazioni dell’Assemblea)

L’Assemblea in prima convocazione è valida soltanto con la presenza di tanti soci che rappresentino la metà più uno degli iscritti.

L’Assemblea in seconda convocazione è valida qualunque sia il numero dei presenti.

Le deliberazioni sono sempre prese a maggioranza dei presenti, aventi diritto di voto, con voto palese.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione, in caso di impedimento è presieduta dal Vice-Presidente.

I soci possono farsi rappresentare in Assemblea da altri soci ai quali dovranno conferire delega scritta. Ciascun socio non potrà rappresentare più di due soci.

Delle sedute dell’Assemblea deve essere redatto verbale sull’apposito Libro Verbali dal Segretario verbalizzante eletto di volta in volta dall’Assemblea.

Art. 13) (Composizione del Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo, eletto dall’Assemblea tra i Soci, è composto da:

  1. il Presidente;

  2. Il Presidente Onorario;

  3. il Vice-Presidente;

  4. il Segretario.

I membri del Consiglio Direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

Art. 14) (Competenze del Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo attua ed esegue gli indirizzi generali deliberati dall’Assemblea.

Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria dell’Associazione purché utili o necessari per il raggiungimento degli scopi sociali, ed in particolare:

  1. nomina nel suo seno il Presidente, il Vice-Presidente ed il Segretario;

  2. nomina i componenti del Comitato Scientifico che a loro volta identificano un Presidente del Comitato;

  3. attribuisce deleghe di competenza al Presidente ed ai singoli componenti del Consiglio Direttivo;

  4. delibera sull’ordinamento, l’organizzazione e lo svolgimento dei congressi, ed in genere delle manifestazioni nazionali ed internazionali;

  5. approva degli accordi con altre associazioni;

  6. delibera la richiesta di iscrizione dei Soci;

  7. delibera su ogni altra questione attinente al funzionamento dell’associazione.

Art. 15) (Convocazione del Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo viene convocato dal Presidente mediante lettera raccomandata, telefax, e-mail, o con qualunque altro mezzo idoneo, che devono pervenire almeno 2 (due) giorni prima la riunione e contenere l’ordine del giorno.

Nell’ipotesi in cui si renda vacante un posto del Consiglio Direttivo, nel corso del mandato triennale, l’Assemblea provvederà alla sostituzione con colui che nella precedente elezione ha riportato il maggior numero di voti dopo l’ultimo eletto.

Il membro sostituto rimane in carica per la rimanente durata di permanenza nella carica del Consiglio Direttivo.

Per la validità delle riunioni del Consiglio Direttivo è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti, escludendo dal quorum gli assenti giustificati. Le deliberazioni sono prese a maggioranza, in caso di parità di voti prevale quello del Presidente.

Alle riunioni del Consiglio Direttivo partecipa, senza diritto di voto, il Presidente Onorario.

Art. 16) (Il Presidente)

Il Presidente è eletto dal Consiglio Direttivo fra i propri membri, rimane in carica per un triennioed è rieleggibile.

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione sia in giudizio, sia di fronte a terzi ed ai Soci, ed ha il compito di tutelare l’applicazione delle norme statutarie. Il Presidente convoca l’Assemblea, il Consiglio Direttivo, dei quali presiede le riunioni con diritto di voto.

Il Presidente può svolgere atti aventi carattere di estrema urgenza fatta salva la successiva ratifica del Consiglio Direttivo.

In caso di temporanea assenza o impedimento, il Presidente è sostituito dal Vice- Presidente.

In caso di dimissioni, o impedimento definitivo del Presidente, assume la rappresentanza dell’Associazione il Vice-Presidente.

Art. 17) (Il Vice-Presidente)

Il Vice-Presidente è un membro del Consiglio Direttivo ed ha il compito di sostituire il Presidente nel caso di temporanea assenze o impedimenti, dimissioni o per qualsiasi altro motivo secondo quanto previsto dal presente Statuto.

Art. 18) (Il Segretario)

Il Segretario è eletto in seno al Consiglio Direttivo ed ha il compito di redigere i verbali del Consiglio Direttivo, curare le pubblicazioni, mantenere i rapporti con i Soci, presentare al Consiglio Direttivo le proposte di nuove associazioni, redigere il bilancio ed il rendiconto consuntivo e preventivo, di presentarli al Collegio dei Sindaci Revisori, di provvedere alla tenuta della contabilità dell’Associazione, di effettuare i pagamenti e le riscossioni nei limiti fissati dal Consiglio Direttivo.

Art. 20) (Organo di revisione)

La gestione della Associazione è controllata da un Sindaco Unico o da un Collegio di Revisori costituito da due membri, eletti annualmente dalla Assemblea degli associati.

I Revisori dovranno accertare la regolare tenuta della contabilità sociale, redigeranno una relazione ai bilanci annuali, potranno accertare la consistenza di cassa e l’esistenza dei valori e di titoli di proprietà sociale e potranno procedere in qualsiasi momento, anche individualmente, ad atti di ispezione e di controllo.

I Sindaci potranno partecipare facoltativamente, senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea.

Art. 21) (Il Comitato Scientifico)

Il Comitato Scientifico, se nominato, è presieduto dal proprio Presidente, ed è composto da almeno 3 (tre) membri, tutti nominati dal Consiglio Direttivo, anche fra non Soci.

I membri del Comitato Scientifico durano in carica 3 anni e sono rieleggibili.

Il Comitato Scientifico è convocato dal Presidente del Comitato Scientifico.

Il Comitato Scientifico formula proposte motivate sull’attività di studio e di ricerca e fornisce pareri sulle questioni che gli vengono sottoposte dal Consiglio Direttivo.

Art. 22) (Esercizio Finanziario)

Gli esercizi finanziari dell’Associazione si chiudono al 31 dicembre di ogni anno.

Art. 23) (Durata e Liquidazione)

L’Associazione è costituita sino al 31 dicembre 2100. L’Assemblea che ne deliberi lo scioglimento procederà alla nomina di uno o più liquidatori e detterà le norme per la liquidazione e per la devoluzione dell’eventuale attività. L’Assemblea deciderà la destinazione degli eventuali utili che residueranno dalla liquidazione.

Art. 24) (Legge Applicabile)

Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le norme vigenti nella Repubblica di San Marino.